I flussi migratori dell’Italia

1.363 views

migrazione-squareL’Italia è stata considerata un paese di emigrazione sin dall’inizi degli anni 70. L’emigrazione italiana ha seguito vari modelli.

La maggior parte dell’emigrazione avvenuta è stata vista come emigrazione permanente, mentre i flussi di migrazione verso i paesi dell’Europa occidentale quali la Svizzera e la Germania sono stati considerati molto spesso delle emigrazioni temporanee che conducono ad un genere di migrazioni delle navette. Oltre ai picchi locali nell’emigrazione collegati alle operazioni di post-censimento di aggiornamento dei registri anagrafici, i flussi di emigrazione, in parte diretto con i trattati bilaterali con i paesi di destinazione, dipendevano dalla situazione economica nei paesi di destinazione. Dalla metà del 1970 questi flussi di emigrazione oscillavano intorno alle 50.000 persone all’anno. I flussi dell’immigrazione erano, per molti anni, collegati ai flussi precedenti di emigrazione, ma dagli anni 80, in particolare dalla metà del 1990, i flussi dell’immigrazione hanno implicato sempre più i residenti stranieri (circa l’80 per cento del totale). Negli ultimi anni, i picchi locali nei flussi dell’immigrazione hanno utilizzato spesso programmi di regolarizzazione. Negli ultimi anni, l’immigrazione ha superato chiaramente l’impatto che l’emigrazione  avuto negli anni 60.

Analizzando informazioni statistiche a livello di suddivisioni regionali  si deve concludere che l’Italia è chiaramente divisa in diversi sotto-sistemi regionali per quanto riguarda i processi di migrazione internazionale. La fase dell’emigrazione era difficilmente osservabile nel nord-ovest. Il centro, solo per un breve periodo nella seconda metà degli anni cinquanta e ancora negli anni sessanta, ha visto qualche emigrazione, che porta ad una perdita di popolazione. Il nord-est e soprattutto il sud erano le aree di emigrazione nel 1950 e il 1960. Nel sud c’è stata una perdita di popolazione a causa dell’emigrazione, in termini assoluti e relativi, di gran lunga più importanti, e il processo ha avuto effetti più generali.

 Anche negli anni ‘ 80 e ‘ 90 l’emigrazione continuò a svolgere un ruolo importante.

L’Italia è cambiata drasticamente negli ultimi due decenni. Oggi, l’Istituto nazionale di statistica stima una popolazione di circa 4,5 milioni di stranieri residenti in Italia, che significa il 7,5 per cento di 60 milioni di abitanti del paese. Poco più di 3,5 milioni di loro sono cittadini non europei. La maggior parte di loro sono lavoratori in possesso di un regolare permesso; molti hanno vissuto qui per un decennio o due, alcuni hanno iniziato a imprese, molti hanno messo su famiglie e molti hanno bambini. Secondo le statistiche ufficiali, l’anno scorso quasi 80.000 bambini sono nati in Italia da genitori non italiani. In altre parole, gli immigrati sono diventati una parte strutturale della società italiana (dell’economia italiana, sopratutto), e non c’è nessuna prova migliore di esso che la presenza di una grande popolazione giovane di origine straniera. Quasi 900.000 minori extracomunitari vivono in Italia oggi, sia nati qui che arrivati con i loro genitori in età molto precoce. L’Italia ha forse il più basso tasso di naturalizzazione tra i paesi dell’UE. Questo è particolarmente doloroso per la “seconda generazione” di ragazzi e ragazze. Se i genitori sono originali dell’Europa orientale, Cina, Filippine, Sud Asia, Maghreb, Africa dell’ovest o America Latina, parlano l’italiano con il dialetto del posto dove stanno crescendo. Essi frequentano scuole italiane per imparare la storia, la geografia e la letteratura italiana. Essi guardano la TV italiana, ascoltano la stessa musica come i loro compagni italiani, amano lo stesso cibo, mescolando spesso la cultura dei propri genitori con quella del posto dove si trovano,in questo caso dell’Italia. Ma essi rimangono “immigrati” davanti alla legge: extracomunitari, o semplicemente “stranieri”. La legge che attualmente disciplina la cittadinanza italiana, approvata nel 1992, è basata sul ius sanguini, o “diritto di sangue”. Esso dà la cittadinanza italiana a tutti i bambini nati da genitori italiani (o almeno uno di loro italiano) in Italia o all’estero.
Al contrario, i figli degli immigrati nati in Italia devono aspettare fino al loro diciottesimo compleanno prima che essi possano richiedere la cittadinanza, ma solo se sono stati registrati immediatamente dopo la nascita, il che non è sempre il caso se i genitori non sono titolari di un regolare permesso di soggiorno. Se non riescono a cogliere questa opportunità, entro pochi mesi, saranno solo come qualsiasi straniero immigrato, che necessitano di un permesso di soggiorno.

 

Comments

Commenti:

About Clara Cocomazzi